Home > Cronaca > Rifiuti: la situazione non migliora. Berlusconi domani a Napoli per l’annuncio della nuova discarica nel Nolano

Rifiuti: la situazione non migliora. Berlusconi domani a Napoli per l’annuncio della nuova discarica nel Nolano

Continua ad essere difficilissimo trovare una soluzione che possa riportare la città di Napoli ad una situazione di normalità. Militari e mezzi dell’Asia tentano di ridurre sono costantemente a lavoro per ridurre la quantità di rifiuti che si accumulano nelle strade di Napoli e in provincia. Le code davanti agli stir sono lunghissime e fino alla tarda serata di ieri erano state sversate solo tremila delle quattromila e duecento tonnelate di immondizia che avrebbero dovuto essere portate agli impianti dalle società di raccolta di Napoli e Provincia.

Il caldo, con la temperatura a sfiorare i 28 gradi, esaspera i cittadini e continuano i roghi in molte parti della città. Più di una ventina gli interventi nella notte da parte dei vigili del fuoco.

I rifiuti diventano così il tema centrale degli ultimi giorni di campagna elettorale, con centrodestra e centrosinistra che continuano a rimpallarsi accuse. “La sinistra che ha governato Napoli in questi anni ha ridotto la città ad una pattumiera”,
tuona il coordinatore regionale Nicola Cosentino. Il Pd chiama in causa il premier Silvio Berlusconi parlando di totale fallimento del governo.

Intanto proprio il Premier, atteso domani a Napoli per tirare la volata finale al candidato sindaco del centrodestra Gianni Lettieri, presenterà, probabilmente, l’accordo siglato tra i sindaci del Nolano, la Provincia di Napoli e prossimamente anche dalla Regione Campania per l’apertura di una discarica da 200mila tonnellate a Roccarainola. In serata interviene anche il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro e lo fa sul bando per la costruzione del termovalorizzatore. “Da tre settimane – ha sostenuto Caldoro – è stato pubblicato sul Burc il bando per la realizzazione dell’impianto di Napoli e sono già pervenute le proposte di alcune importanti società. Ma tutto questo non viene riportato dai giornali”. Fatto sta
che l’emergenza rifiuti rischia di spingere verso l’astensionismo quote elevate di elettori. Un’incognita finora sottovalutata, ma che potrà essere determinante per la vittoria finale.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: